Il salvataggio delle immagini è stato disabilitato, perché le stesso sono soggette a diritti d'autore.
Chiedete comunque a info@aidama.it, l'associazione è lieta di poter essere d'aiuto e di farsi conoscere con le proprie opere ed immagini.

Tag : broglia

Dove cade la Pallina (+)

Riflessioni personali sul momento che stiamo vivendo. ispirate da una bellissima canzone di Giorgio Gaber.

Una Pasqua che non dimenticheremo (+)

Anno 2020.
Pasqua. Non una Pasqua qualunque
Riflessione personale su questo momento così complicato che coinvolge l’umanità intera

 

Abbaglio (+)

Ci sono momenti nella vita, in cui tutto ci appare diverso, ci sembra che dei nostri valori, delle nostre certezze, del nostro passato non esista più nulla.
Nulla in cui valga la pena di credere. Non riusciamo più a riconoscere la vita che tanto abbiamo amato, ci pare persino che altri, crudelmente, ce l’abbiano sottratta.
Talvolta, crudelmente, è avvenuto. Altre volte, incautamente, non l’abbiamo protetta abbastanza nella sua delicata fragilità.

Ma la memoria è ancora intatta. E sono proprio i ricordi più intimi, quelli che ci portiamo nel cuore oltre che nella mente, a salvarci dalla deriva del nostro dolore.
I nostri pensieri più belli sanno d’incanto e hanno la freschezza dell’erba bagnata. Tuttavia il cuore ancora trasale, sorpreso da improvvisa paura.

Nella solitudine scrutiamo passato e presente, e mentre altri elevano altari paradossali alla forza brutale, purché vincitrice, esili gocce di vita riescono a essere ancora generate.
Lentamente, dal buio della tenebra, si fa strada la voglia di rinascita.
In mezzo a tanto disincanto, ci sei Tu, che sembri passare incolume tra le scalfiture dell’esistenza,
Tu che riesci a sognare, a respirare l’azzurro della speranza, ad avere pensieri limpidi.

Rimane un interrogativo, non per tutti, ma per ognuno: Avremo ancora la possibilità di una nuova vita?

Un balzo in avanti, il coraggio di spiccare nuovamente il volo.

L’uomo del Kathakali (+)

da “Il Dio Delle Piccole Cose” di Arundhati Roy: Ad Ayemenem i danzatori danzavano per scrollarsi di dosso l’umiliazione cui si erano sottoposti al Cuore di Tenebra.
L’umiliazione degli spettacoli mutilati da piscina. Dell’ essersi adattati al turismo per non morire di fame.
Al ritorno dal Cuore di Tenebra, si fermavano al tempio per chiedere perdono ai loro dei.
Per scusarsi di aver corrotto le loro storie. Di aver convertito in contanti le loro identità.
Di aver fatto cattivo uso delle loro vite.

Anime Salve (+)

Quando ascolti una canzone può succedere che i pensieri si dilatino,
che le parole si espandano in inusitate risonanze dell’anima.
E poco conta quale sia la verità vera di quell’ispirazione.
Conta, sopra ogni altra cosa conta, l’intreccio dei cuori nella fragile trama dell’esistenza.

 

 

 

 

Valery (+)

Ci sono momenti nella vita,
in cui i colori si fondono con i suoni
e persino i profumi hanno un sapore.
È allora che tutto quello che non riuscivi a vedere,
improvvisamente diventa tangibile …

 

Prima di volare via (+)

Abbiamo cercato di interpretare con le parole , i sentimenti che donne e uomini possono provare di fronte all’inaspettato irrompere dell’Alzheimer nella loro vita di coppia.
Abbiamo tentato di dare voce all’inevitabile sofferenza,ma anche al tenace, indistruttibile legame di chi si ama profondamente, di chi non si arrende allo sconforto e allo smarrimento,perchè riesce a tenersi per mano fino
all’ultimo respiro. …. Nessun eroismo, solo tanto amore. semplice e quotidiano,come il profumo del pane.

Un popolo sospeso nel tempo di Renzo Broglia

Un popolo sospeso nel tempo (+)

Ci sono momenti in cui, ti viene voglia di incontrare altre vite. E quando, dopo tanta strada, finalmente ti riempiono gli occhi, non sai fare altro che stare a guardare, ammutolito di fronte a ciò che a te pare impossibile e all’altro imprescindibile esistenza.

Un popolo sospeso nel tempo di Broglia Renzo Un popolo sospeso nel tempo di Renzo Broglia Un popolo sospeso nel tempo di Renzo Broglia Un popolo sospeso nel tempo di Renzo Broglia