Il salvataggio delle immagini è stato disabilitato, perché le stesso sono soggette a diritti d'autore.
Chiedete comunque a info@aidama.it, l'associazione è lieta di poter essere d'aiuto e di farsi conoscere con le proprie opere ed immagini.

Category : OPERE

auguri 2023 (+)

un nuovo augurio per un futuro semplice come il contenuto di questa piccola opera multivisiva.
PS:
gli alberelli fatti in casa con “carta varese”, sono inseriti sullo sfondo di opere in carta di gelso coreana dell’artista CHUN KWANG YOUNG installate a Palazzo Contarini Polignac nell’ambito della Biennale d’Arte di Venezia 2022

 

Circo di fine estate (+)

La stagione è finita e gli stabilimenti felliniani sono mesti come un tendone da circo a fine spettacolo.
Il silenzio si riprende l’ampio arenile, svuotato del vocio estivo che i giochi dimenticati dai bagnanti rimpiangono tristi, mentre tutto si avvolge nei bozzoli del lungo riposo.
(Rivazzurra di Rimini, 24-26 settembre 2021)

Restart (+)

Questa storia non è mai accaduta, o forse sì, una volta, da qualche parte.
Questa storia non è mai accaduta, ma potrebbe accadere, un giorno, ovunque.
Se continuiamo a ignorare i segnali della natura, la natura si riprenderĂ  tutto.
E dopo… ci sarĂ  una nuova partenza?

Lacio Drom

LACIO DROM

 

Rom e Sinti sono due etnie originarie del Nord dell’India. I loro componenti vengono chiamati con disprezzo “zingari” e sono da sempre considerati diversi e oggetto di discriminazione. Basti pensare alla persecuzione nazi-fascista e all’olocausto subito. I Sinti sono in Italia dal 15esimo secolo. Oggi sono circa 120.000 e una piccola minoranza di 3000 fedeli appartiene alla missione evangelica zigana che aderisce alle assemblee di Dio in Italia. Il  Lacio Drom, il Buon Viaggio, ha portato nella periferia di Brescia alcune di queste famiglie Sinti. Qui, al centro di un campo nascosto tra il fiume e la ferrovia una piccola chiesa  evangelica   svolge un ruolo importante per lo spirito comunitario del gruppo. Il vangelo ha funzione di recupero sociale; si chiede a Cristo la protezione per le famiglie e si invoca il suo perdono. La quotidianità  è isolamento forzato vissuto con silenzio, dignità, mistero  e rassegnazione.  Senza parola e nascosti dagli sguardi della gente “normale” i Sinti combattono una guerra silenziosa contro stereotipi e pregiudizi ben radicati nell’immaginario collettivo.  La loro presenza non è tollerata, la loro identità negata ma un nuovo Lacio Drom, un nuovo Buon Viaggio,  porterà un giorno alcuni di loro  lontano, in un’altra città, in un altro campo, pronti a ricominciare l’eterno andare.

Come Onda di Mare (+)

E’ possibile lasciare in ereditĂ  la vita, quella che piĂą ci appassiona, il meglio delle nostre emozioni, dei nostri sentimenti, delle nostre azioni?
Che cosa resterĂ  della nostra esistenza?
Una domanda improvvisa, inquietante.
Poi lo slancio di una risposta, generosa e carica di fiducia, che spazza via il timore del limite, per fare spazio a un pensiero di amore inarrestabile.

Sulle ali dei ricordi(+)

Multivisione liberamente tratta da una poesia di Teresa Montano dal titolo “Noi”

la mia anima canta

Una breve sequenza di fotografie riprese su uno dei presepi di Daniele Dal Col, un caro amico che negli anni ha maturato una elevata maestria nella realizzazione di presepi ambientati nel paesaggio veneto ed in particolare in paesi rimasti come un tempo quali sono Erto e Casso nel bellunese e Tovena o il Molinetto della Croda nel trevigiano.
Come sottofondo un brano musicale dedicato alla MADONNA protagonista di ogni Natale.

Una breve proiezione dedicata A TUTTE LE DONNE del mondo, da sempre protagoniste della vita, e insieme a loro dedicata A TUTTI GLI UOMINI che di ogni donna sono prima PADRI e FIGLI e poi COMPAGNI.

metti un giorno in una spiaggia

Nel delicato silenzio dell’autunno inglese reso vivace dal forte vento del nord, una colonia di foca grigia sceglie ogni anno una singolare area militare per dar luogo alle nuove nascite e ai rituali dell’accoppiamento.

In wildness…

La natura selvaggia attira e respinge allo stesso tempo.
Affascina ed intimorisce per i “naturali” pericoli che porta con sé.
Ma è un timore “sano”, che ridimensiona e rende consapevoli che prima di tutto, ogni uomo è parte di questo mondo allo stesso modo in cui lo è ogni essere vivente.
Ed è una consapevolezza questa, che ci può far amare ancora di più la nostra Natura.

Liberi dal bianco

In Alaska, è facile incontrare spazi dove il bianco regna sovrano.
E’ una terra tuttavia, che rivela la sua essenza piĂą intima nelle innumerevoli tonalitĂ  dei colori che si incontrano nella foresta, nella taiga, nella tundra e in modo particolare nelle sfumature del suolo.

Il bianco: somma di tutti i colori, si divide per rallegrare lo sguardo.