Il salvataggio delle immagini è stato disabilitato, perché le stesso sono soggette a diritti d'autore.
Chiedete comunque a info@aidama.it, l'associazione è lieta di poter essere d'aiuto e di farsi conoscere con le proprie opere ed immagini.

Tag : grafica

TILIMENT CON I MIEI OCCHI

Prodotto nel 2022 durata 6' 35''

Realizzazione di: Giacomo Renier
Altri collaboratori: #
Fotografi, artisti grafici: #
Audio: #

La prospettiva dall’alto che ho utilizzato nella realizzazione delle immagini ha permesso di cogliere la morfologia molto particolare del letto del Tagliamento, uno dei pochi fiumi in Europa a conservare i suoi canali intrecciati, riprendendo forme e colori in maniera grafica e a tratti astratta.

CROMA 21 (+)

Prodotto nel 2021 durata 4' 55''

Realizzazione di: Giacomo Renier
Altri collaboratori: #
Fotografi, artisti grafici: #
Audio: #

Rivedere le immagini del rio Tinto a distanza di qualche anno dalla loro realizzazione mi ha suggerito un diverso modo di declinare questo angolo particolare dell’Andalusia, un modo che si adegua con le astratte composizioni che lì si possono osservare.

ricordi del futuro (+)

Prodotto nel 2021 durata 3' 35''

Realizzazione di: Francesca Gernetti
Altri collaboratori: -
Fotografi, artisti grafici: Francesca Gernetti | archivio personale + stock + creative commons + grafica
Audio: Roie Shpigler, "Solid Ground"

Quanti significati e usi ha la “maschera” col suo diminutivo “mascherina”? Non ci avevo mai pensato fino a quel giorno. I ricordi irrompono al pensiero della parola “maschera”, in una scorribanda avanti e indietro nel tempo della mia vita. È il 15 marzo 2020. Poi tutto si blocca all’improvviso. La poliedrica maschera del mio “prima”, felice o almeno normale, è diventata nell’angoscioso “ora” unicamente il dispositivo di protezione dal respiro malefico. A distanza di un anno la mascherina è ancora parte del mio viso e della mia vita, come di tutti. La mascherina è ovunque. Ma forse un giorno ci saranno ancora tutti quei significati.

NATURE AS ART (+)

Prodotto nel 2019 durata 4' 5''

Realizzazione di: Giacomo Renier
Altri collaboratori: #
Fotografi, artisti grafici: #
Audio: #

Nel mio vagare per boschi, prati e torrenti, mi prende a volte il desiderio di lasciare in auto il mio pesante zaino fotografico e portare con me solo un blocco da disegno e una matita, per fermare sulla carta, con pochi tratti, ciò che più mi colpisce.
Questo desiderio è rimasto sempre tale … fino a quando un giorno …

2020#CV (+)

Prodotto nel 2020 58''

Realizzazione di: Francesca Gernetti
Altri collaboratori: -
Fotografi, artisti grafici: web
Audio: Mirko Ferremi (original music)

[CRONACHE QUARANTENICHE – a far data 20.03.2020]
Fin dalle sue prime apparizioni nelle cronache, il Coronavirus ha avuto un simbolo grafico ben preciso: un cerchio con tante punte a forma di corona, a rappresentare il suo aspetto al microscopio elettronico.
Abbiamo cominciato a vederlo in ogni telegiornale, in ogni notizia online, e ne siamo stati colpiti visivamente molto prima che ce ne trovassimo colpiti realmente nelle nostre vite.
Illustrazioni vettoriali e rendering dai colori vividi, a dispetto della sua tragicità, in brevissimo tempo hanno riempito il web e persino gli stock photos, mentre il virus ci colpiva inesorabilmente e spesso inconsapevolmente.
Quelle rappresentazioni grafiche sono divenute il simbolo del 2020, l’icona del nostro annus horribilis. E proprio attraverso quelle ruote dentate e multicolori, ossessivamente animate nella loro metodica conquista totale, ho voluto rappresentare la sopraffazione del 2020 da parte del Coronavirus, il suo diffondersi e moltiplicarsi ad ogni contatto l’un l’altro come fosse un domino, l’acutizzarsi della pandemia fino al picco ma poi la progressiva guarigione, finché il placido globo terrestre riesce a sostituirsi alla caparbia sfera coronata.

textur’Expo (+)

Prodotto nel 2015 durata 3' 24''

Realizzazione di: Francesca Gernetti
Altri collaboratori: -
Fotografi, artisti grafici: Francesca Gernetti
Audio: Teho Teardo, "Nemmeno Io"

L’esperienza visiva di Expo Milano 2015 è “design” e “digital”: le architetture dei padiglioni, le installazioni video, gli spettacoli di luci, le tecnologie digitali dedicate a esperienze reali e virtuali… Un susseguirsi di colori, punti, linee, forme, trame, superfici che l’occhio grafico interpreta come textures.