Il salvataggio delle immagini è stato disabilitato, perché le stesso sono soggette a diritti d'autore.
Chiedete comunque a info@aidama.it, l'associazione è lieta di poter essere d'aiuto e di farsi conoscere con le proprie opere ed immagini.

Tag : BELSAGRIO

L’INVERNO CHIAMA I MIEI OCCHI (+)

In inverno rimane solo l’essenziale delle cose; il suo paesaggio si muove nella nebbia e si percepisce appena, come un ricordo che sfugge alla memoria. Una breve poesia audiovisiva scritta per l’inverno utilizzando solo alberi e foschia.

REFLEX-TION ON MYSELF (+)

“RefleX-tion on myself” è un’opera sperimentale che porta con sé una grande ambizione: dimostrare che quando la malattia si sovrappone alla persona, l’immagine più nitida che resta è quella di una radiografia.

SOGNO RICORRENTE (+)

Ispirato alle atmosfere di un videogioco (Alan Wake, sviluppato dalla Remedy Entertainment), SOGNO RICORRENTE è un viaggio più simbolico che reale. Immagini e musica accompagnano l’osservatore in un contesto sfocato e onirico, dove il vago senso di inquietudine diventa il filo conduttore di un percorso preciso e indefinito allo stesso tempo. Del resto ogni situazione è reale fino al momento in cui qualcosa (o qualcuno) non dimostra il contrario…

RITRATTO DI UNA SOLITUDINE (+)

“Il tempo non passava mai, ma abbandonare il mio isolamento non bastò a liberarmi dalla noia. Capii solo allora che, anche stando insieme, in realtà restiamo comunque soli…e scivoliamo sempre da una solitudine a un’altra.”
La solitudine, per quanto spesso associata a noia e tristezza, può essere la strada più immediata ed efficace per ritrovare veramente se stessi.

GLI AMANTI – LA LUNA – IL BAGATTO (+)

La crisi sentimentale, pur trattandosi di una situazione talmente comune da essere capitata a tutti almeno una volta nella vita, rischia di avere sviluppi molto differenti a seconda della sensibilità delle persone che la vivono. Sottili forme di violenza si possono nascondere perfettamente dietro a quelli che, a prima vista, appaiono come “i soliti cliché”, tipici dell’universo maschile e/o di quello femminile.

QUESTA CASA

Se parole e pensieri restano imprigionati tra vecchie mura, è possibile sentirne ancora gli echi attraverso gli oggetti abbandonati. “Questa casa” è una personale interpretazione di una storia senza tempo, di cui mi sono resa autrice e attrice.